lunedì 19 febbraio 2018

Biscottini e crostatine vegan al cocco e limone

In un momento di euforia ho acquistato del latte di cocco, non il solito in lattina, ma un litro nel brick.
Una parte é finita in una mousse, una parte in una ciambella, ma ne avanzava ancora, casualmente su fb ho incrociato questa ricetta e l'ho salvata.
Il risultato è stato buono, il gusto non é sbilanciato e la presenza del limone alleggerisce il tutto.
Ve la lascio così come l'ho realizzata, unica aggiunta l'aroma di limone, dato dalla buccia grattugiata.



Biscottini vegani al cocco e limone
Per due teglie e 12 mini crostatine

  • 150 ml latte di cocco
  • 100 ml olio di semi di mais
  • 100 g zucchero di canna 
  • 100 g farina di cocco più altra per la finitura
  • 100 g farina di riso
  • 250 g farina 00
  • 16 g lievito per dolci
  • Buccia di limone bio grattugiata
  • Vaniglia
  • Zucchero semolato per la finitura
Preriscaldare il forno a 170°C, modalità statico.
Nella ciotola della planetaria mescolate , con la foglia, zucchero e latte di cocco, aggiungere l'olio e far mescolare bene.
In una ciotola mescolare le tre farine  il lievito, gli aromi preferiti.
Versare le polveri sui liquidi, poco alla volta, lavorando sempre con la foglia.
Formare un panetto.
Fare dei rotolini e poi adagiarli in unix di farina di cocco e zucchero semolato, da un solo lato.
Porre su cartaforno e cuocere per 11' in forno caldo , statico, poi altri 3' in modalità ventilato.
Stesso tipo di cottura per le crostatine farcite con marmellata a piacere.



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

sabato 17 febbraio 2018

Torta quasi tatin di Helga numero 68

Cara Helga, oggi il minimo che io possa fare é condividere questa tua torta di mele.
Aspettando, magari di riuscire un giorno a sedere allo stesso tavolo per fare colazione e non solo virtualmente.
Intanto lascio a tutti l'invito di fare una capatina sul tuo blog per respirare un po' di aria parigina .





Torta quasi tatin di Helga n° 68

  • 1 kg mele renette ( per me granny smith )
  • 100 g farina 00
  • 100 g zucchero
  • 100 g burro
  • 100 g latte
  • 1 uovo
  • 8 g lievito per dolci
  • Vaniglia
Scaldare il latte e farvi sciogliere il .
Far intiepidire.
Sbucciare e affettare sottilmente le mele.
In una ciotola sbattere uova e zucchero, aggiungere la farina setacciata con il lievito, unire la vaniglia e amalgamare bene.
Inserire il latte e il burro e mescolare bene.
In ultimo unire le mele mescolare tutto.
Versare in uno stampo foderato con cartaforno e imburrato, di circa 30 cm, il composto dovrà rimanere piuttosto basso, quindi scegliete uno stampo sufficientemente largo.
Cuocere a 180°C per circa 45'/50'.




Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

giovedì 15 febbraio 2018

Cinnamon cookies soft & cheewy snickerdoodles

I primi cookies della mia vita, fatti per cercare di venire in contro alla richiesta  di un giovane collega.
Mi chiedeva espressamente un cookie dalla consistenza leggermente gommosa all'interno.

La prova assaggio é stata superata, la cannella rende questi biscotti perfetti.

PROMOSSA.

Ricetta presa da qui.






Cinnamon cookies soft cheewy snickersdoodle
Per 20 pezzi circa

  • 230 g burro
  • 1 cucchiaio essenza di vaniglia
  • 200 g zucchero semolato
  • 75 g zucchero di canna
  • 2 uova intere
  • 345 g farina 00
  • 4 g cremore di tartaro
  • 5 g bicarbonato di sodio
  • ¼ sale
  • Zucchero e cannella per la finitura
Lavorare a crema il burro e la vaniglia, unire lo zucchero semolato e lo zucchero di canna.
Unire un uovo alla volta, la farina , le polveri lievitanti e il sale.
Coprire in una ciotola con della pellicola.
Lasciare in frigo per un paio di ore.
Riprendere il composto e formare delle palline grandi come polpette, rotolarle  nel mix di zucchero e cannella.
Porre su cartaforno ben distanziate , in cottura si allargheranno molto.
Cottura in forno preriscaldato , ventilato, a 190°C per 10 minuti.

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

martedì 13 febbraio 2018

Plumcake alla marmellata e arancia

Un plumcake soffice e umido con un gradevole sapore di arancia.
Ricetta vista da Federica sul blog La cucina di Federica, ridotta di un terzo e modificata leggermente.
Ho aggiunto anche delle arance pelate a vivo in superficie e dei cubetti di arancia sciroppata nel composto.
Buonissimo, l'ho già detto?




Plumcake alla marmellata e arancia
Dose per uno stampo da plumcake piccolo cm 12X5
  • 1 uovo 
  •  40 g zucchero
  • buccia d'arancia grattugiata bio
  • 33 g marmellata di albicocche 
  •  83 g farina 00 
  • 5 g lievito per dolci
  • 25 ml olio di semi di mais
  • 1 cucchiaio di latte 
  •  Cubetti di arancia sciroppata q.b.
Preriscaldare il forno a 175° C.
Montare l'uovo con lo zucchero , far triplicare, unire la buccia di arancia grattugiata e la marmellata .
Inserire la farina setacciata con il lievito, alternando con l'olio in 3 volte.
In ultimo inserire i cubetti sciroppati e il cucchiaio di latte.
Versare nello stampo foderato con cartaforno.
Decorare la superficie con qualche spicchio di arancia pelata a vivo.
Cuocere per circa 30' , fare sempre la prova stecchino.






Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

mercoledì 7 febbraio 2018

Biscotti al tè bianco alle violette da una ricetta di Martha Stewart

 Oltre alle torte di mele ho un'altra piccola fissazione e riguarda le violette.
Mi piace molto questo fiore timido e delicato, ma dal profumo riconoscibilissimo. Mi piace ritrovarlo in ciò che mangio e così , leggendo una ricetta di Martha Stewart con il thè al bergamotto, ho deciso di modificarla utilizzando un the bianco alle violette.
Per accentuare il profumo dato dal the, l'ho aggiunto , mescolato con zucchero semolato vanigliato sulla superficie dei biscotti, prima di ritagliarli.
Per un miglior risultato tritare le foglie di thè sottilmente e setacciarle, prima di utilizzarle.





Biscotti al tè bianco alle violette da una ricetta di Martha Stewart
Dose per 100 biscotti circa

  • 280 g farina 00
  • 2 cucchiai tè bianco alla violetta ( oppure tè  Earl Grey come da ricetta originale )
  • 1/2 cucchiaino sale fino
  • 230 g burro a temperatura ambiente
  • 60 g zucchero a velo
  • 1 cucchiaio di scorza di arancia grattugiata ( omessa usando il tè bianco alle violette )
  • Zucchero vanigliato semolato e tè bianco sminuzzato finemente per la finitura.
In una ciotola mescolare farina, tè bianco alle violette sminuzzato e il sale.
Montare il burro , lo zucchero a velo ( e la scorza di arancia) a media velocità per circa tre minuti, fino a rendere il composto chiaro e spumoso.
Abbassare la velocità e incorporare gradualmente la farina.
Dividere l'impasto a metà e modellare due cilindri su un foglio di carta forno, del diametro di 3,5 cm.
Avvolgere in pellicola e lasciare in frigorifero per un paio di ore.
Riscaldare il forno a 180°C.
Prendere i due cilindri e rotolarli nel mix di zucchero e  thè.
Ritagliare delle fettine spesse 5 mm, disporle su una teglia rivestita con cartaforno , distanziarli 3  cm l'uno dall'altro.
Infornare per 13'/ 15', finché i bordi dei biscotti diventano dorati.
Girare la teglia a metà cottura.
Far raffreddare sulla teglia.
Conservare a temperatura ambiente per circa 3 giorni.



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

lunedì 5 febbraio 2018

Panini soffici al latte in polvere

Una delle ricette più soffici mai realizzata.
Semplicissima, unica condizione avere il latte in polvere, ma oramai si trova tranquillamente in tutti i supermercati.
Il risultato è talmente soddisfacente che non ve ne pentirete.
Un impasto che è a metà strada tra il dolce e il salato, rendendolo neutro potrete utilizzarlo come più vi piace, personalmente vorrei provare a realizzarci una sticki buns, come questa, sono sicura che la sofficità dell'impasto saprà regalarmi soddisfazioni, per chi volesse cimentarsi , trovate la ricetta qui.
Per il resto il solito suggerimento: provatela.

La ricetta originale l'ho presa da qui.




PANINI SOFFICI
Dose per una teglia da 9 pezzi
  • 120 ml acqua
  • 1 cucchiaio di lievito di birra secco
  • 3 cucchiai di zucchero ( da diminuire se li volete più neutri)
  • 2 cucchiaini di sale fino ( anche 1 e 1/2 può bastare, regolatevi)
  • 4 cucchiai di latte in polvere
  • 1 uovo
  • 250 g farina 0
  • 42 g burro morbido
  • un uovo per spennellare
Mescolare acqua, lievito, zucchero e latte in polvere , nella ciotola della planetaria, con la foglia.
aggiungere l'uovo e mescolare ancora, inserire la farina setacciata e il sale e lavorare fino ad avere un composto abbastanza omogeneo.
Aggiungere il burro a fiocchetti e lavorare per circa 15', dovrette ottenere un impasto incordato e che faccia il velo.
Porre in una ciotola unta , coperta con pellicola e far lievitare fino al raddoppio.
Una volta raggiunto il raddoppio , sgonfiare l'impasto lievitato, rovesciare su un piano leggermente infarinato.
Dividere in nove pezzi dello stesso peso, stendere con un matterello e arrotolare.
Adagiare su una teglia con cartaforno.
Far lievitare coperto.
Al raddoppio spennellare con un uovo .
Cottura in forno preriscaldato a 175°C per 15'/20'.
Temperatura al cuore 95°C.



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

venerdì 2 febbraio 2018

Plumcake rovesciato di mandarini

La stagione é quella giusta per provare questo dolce, la ricetta l'ho vista sul blog L'angolo goloso di Evelyn e ho provato, come sempre una dose ridotta.
La ricetta è di semplice esecuzione , l'unico passaggio critico é nello sciroppare le fette di mandarini, non andate troppo avanti , altrimenti risulteranno duri, anziché morbidi come un frutto sciroppato, quindi regolatevi cercando di mantenere il composto sciropposo, se inizia a fare dei fili di zucchero siete andati troppo oltre.
La ricetta originale utilizza uno stampo tradizionale, io ho utilizzato una forma da plumcake.
Rispetto alla ricetta originale ho preferito sbucciare i mandarini, prima di tagliarli a fette di circa 4/5 mm.



Plumcake rovesciato ai mandarini
Dose per una tortiera di cieca 24 cm di diametro

Per la base

  • 3 mandarini privati della buccia
  • 200 g zucchero
  • 120 ml acqua
Versare acqua e zucchero in una pentola dal fondo spesso, far sciogliere a fuoco dolce lo zucchero e inserire le fette di mandarini tagliate a 4/5 mm di spessore.
Cuocere rigirando le fette fino a quando non saranno sciroppate, non andare troppo avanti nella cottura, il fondo deve risultare denso come uno sciroppo, ma non deve fare il filo, inserendo la forchetta e alzandola.
 Foderare lo stampo scelto con della cartaforno e adagiarvi le fette non sovrapposte e il loro sciroppo.


Preparare la torta.
  • 50 ml succo di mandarini
  • 100 ml olio di semi 
  • 160 g zucchero
  • 220 g farina 00
  • cannella q.b.
  • 100 ml latte
  • 3 uova
  • 16 g lievito per dolci
Montare le uova con lo zucchero, unire il succo, l'olio, il latte e la cannella.
Unire la farina setacciata con il lievito e amalgamare.
Versare nella teglia con i mandarini sul fondo, livellare.
Cuocere in forno preriscaldato a 160° C , modalità ventilato per 45'.
Fare la prova stecchino.
Rovesciare da tiepida.



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

mercoledì 31 gennaio 2018

Mini bundt cake al caffè

Mio marito la definisce una malattia, le mie colleghe la definiscono iperattività, mia figlia mi apostrofa sempre con un  Ma tu ferma , mai!   
E io? Io la chiamo FELICITÀ.
Ho capito a quasi cinquant'anni che fare dolci mi rende serena,  mi fa stare bene e mi toglie tutto il malumore, persino quello che mi viene dopo una discussione con il pargolo, se poi ci abbino anche un poco di Mozart niente potrà più scuotermi.
Più di una seduta di yoga , più di un'ora di meditazione poté un dolce e quindi ad ogni arrabbiatura corrisponderà sempre un pasticcino ( preceduto da una caterva di parolacce liberatorie , perché il mio motto è meglio fuori, che dentro ).
Comunque questa ricetta non é conseguenza di nessuna arrabbiatura, ma solo della voglia di replicarla immediatamente.
L'ha pubblicata Monica Zacchia sul suo blog  in versione bundt cake , io ho realizzato delle monoporzioni e ho ridotto la dose ad un terzo.
Per la dose intera andate sul blog di Monica, io vi lascio la ricetta come l'ho realizzata io, che va bene che fare dolci mi rende felice, ma sempre in dosi ridottissime 😉





Mini bundt cake al caffè  ricetta da qui
Dose per 6 pezzi 

  • 73 g farina 00 + un cucchiaio
  • 6 g caffè solubile in polvere
  • 13 g cacao amaro
  • 66 g zucchero
  • 43 g burro morbido
  • 1 uovo
  • 16 g liquore al caffè + un cucchiaio per i datteri
  • 33 ml caffè espresso
  • 2 g lievito per dolci
  • 1/6 di cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 3 datteri
  • 50 g yogurt greco ( per me yogurt alla vaniglia)
  • Zucchero a velo per la finitura
Preriscaldare il forno a 180°C.
Tagliare i datteri a pezzetti e coprire con il cucchiaio di liquore al caffè.


Montare il burro morbido con lo zucchero per 5'. Unire l'uovo e far assorbire.
In una ciotola setacciare la farina, il cacao, il caffè solubile , il lievito e il bicarbonato.
Inserire nel composto di uova e burro le farine, alternate allo yogurt , al liquore al caffè e all'espresso.
Unire il cucchiaio di farina ai datteri sgocciolati , mescolare e inserire nel comppsto, mescolando.
Versare negli stampini al silicone scelti, preparati con burro e farina o con uno staccante.
Cuocere a 180°C  in forno ventilato per 20'/25', fare sempre la prova stecchino.
Triplicando la dose e usando uno stampo unico cuocere per 60'.

Far raffreddare, sformare e finire con uno spolvero di zucchero a velo e un ciuffetto di crema o panna, per me un rimasuglio di cremoso al cioccolato .


Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

lunedì 29 gennaio 2018

Torta di mele e pane numero 66

Ricetta proveniente da Il quaderno dei dolci di Mele di Elisabetta Tiveron, ed. KELLERMANN , regalatomi dalla mia amica Flo , che conosce bene le mie fissazioni.É una raccolta di ricette semplici e realizzabili, che spaziano dai dolcetti ai dolci al cucchiaio caldi e freddi , alle torte, crostata e composte varie.
La torta provata da me è una versione che esiste da tanto, una torta del riciclo, di quelle che quasi tutte le nonne realizzavano, una torta di pane e mele.
Ho apportato delle modifiche, minime, per poter utilizzare quello che avevo in casa e ho, come sempre dimezzato le dosi.
Ve la lascio con le mie modifiche, se siete particolarmente golosi raddoppiate pure le quantità.







Torta di pane e mele n°66
Dose per una teglia da 18/20 cm
  • 100 g pane bianco raffermo
  • 50 g  g tra biscotti secchi / fiocchi d'avena / corn flakes
  • 50 g zucchero di canna chiaro 
  •  latte tiepido q.b
  • 1 mela tagliata a cubetti piccolissimi con la buccia
  •  1 uovo 
  •  1/2 di tazza di noci tritate grossolanamente e mirtilli disidratati 
  •  Vaniglia 
  •  1/4 di bicchiere di olio extravergine d'oliva 
  •  1/4 di bustina di lievito per dolci

Ammorbidire il pane, privato della crosta e cubettato, versarvi il latte tiepido fino a farlo ammorbidire, poi frullare.
Versare in una ciotola, unire tutti gli ingredienti e mescolare bene.
Imburrare uno stampo, cospargere con pane grattugiato mesvolate alle briciole di 4/5 amaretti.
Cuocere in forno a 180° C per 50'/45'.
Far raffreddare, cospargere di zucchero a velo.


Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

venerdì 26 gennaio 2018

Carrot cake e i miei primi quasi cinquanta anni

Non sono una che ama particolarmente festeggiare il proprio compleanno.
Dopo i 20 anni credo di non averlo più festeggiato in modo canonico.
Crescendo si è svuotato sempre più di senso festeggiare , non ho ancora trovato un'età che meriti una festa.
Mentre aspetto di avvicinarmi ad un compleanno ad almeno tre cifre, mi sono preparata una carrot cake in miniatura, perfetta per una sola candelina, quella che mi ricorda che il prossimo anno sarò a metà del percorso per arrivare alle tre cifre.
La ricetta l'ho presa su questo blog , dimezzando le dosi per una torta di 16 cm di diametro.
La prossima volta inserirò delle noci nell'impasto delle basi, ora le ho aggiunte solo in uno strato della crema.
Ho usato una parte delle basi avanzate dopo averle pareggiate, mescolate a poca farcia per fare una piccola carota come decorazione.





Carrot cake
Dose per una torta di 16 cm di diametro , quattro strati ( per una da 18 cm raddoppiare le dosi )

  • 75 g burro fuso
  • 125 g farina 00
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • Sale un pizzico
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1/2 cucchiaino di zenzero in polvere ( io non l'avevo ed ho usato del cardamomo in polvere)
  • 1 uovo
  • 85 g zucchero
  • vaniglia
  • 2 carote medio /piccole grattugiate finemente
Farcia
  • 125 g formaggio spalmabile
  • 100 g burro a temperatura ambiente
  • 100 g cioccolato bianco fuso
  • 100 g zucchero a velo
Preparare le basi.
Procuratevi tre contenitori in alluminio di 16 cm.
In una ciotola setacciare la farina, il lievito, unire il sale e le spezie.
In planetaria montare l'uovo con lo zucchero per almeno cinque minuti.
Aggiungere lentamente il burro fuso e la vaniglia.
Inserire la farina, lasciando da parte due cucvhiai da unire alle carote grattugiate.
Mescolare le carote all'impasto.
Se vi piace a questo punto potete inserire delle noci leggermente tostate e tritate grossolanamente.
Versare il composto nelle tre basi preparate.
Cuocere in forno caldo, statico a 180° C per circa 20' / 25', fare sempre la prova stecchino.
Sfornare e far raffreddare completamente.
Dividere una base in due, in modo da avere 4 dischi.

Preparare la farcia
Sciogliere il cioccolato a bagnomaria.
In planetaria montare il burro morbido con lo zucchero a velo, unire il cioccolato fuso, fatto intiepidire e il formaggio, mescolare bene.

Assemblare la torta
Rifilare le basi, pareggiandole se occorre.
Io sono riuscita ad ottenere 4 basi.
Poggiare la prima base, fare uno strato con la crema al formaggio, proseguire alternando basi e crema.
Terminare con la crema.Riservare un paio di cucchiai di crema per la finitura. Lasciare in frigorifero per 30'sia la torta che la crema.
Terminare di decorare la superficie della torta con dei ciuffetti e con la carotina.

E tanti auguri a me .


Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...